Pizzaioli dell’Alleanza

Home/Pizzaioli dell’Alleanza
Pizzaioli dell’Alleanza 2017-04-18T17:11:37+00:00

Il pizzaiolo dell’Alleanza si impegna ad osservare i punti indicati nei singoli capitoli.

FARINE

Un pizzaiolo che vuol fare qualità dovrebbe conoscere il mugnaio, non acquistare farine a catalogo. La certezza della tracciabilità e della qualità dei grani e degli altri cereali è garantita da conoscenza e frequentazione di colui che è il principale fornitore. Fornitore che deve essere in grado di garantire l’intera filiera di provenienza dei cereali.

  • Utilizzare esclusivamente farine italiane, preferibilmente provenienti dalla propria regione o comunque da filiere brevi; con la certezza della tracciabilità e della qualità dei grani e degli altri cereali (meglio se da agricoltura biologica o biodinamica); questo per garantire i benèfici effetti del “buono, pulito e giusto”
  • Non utilizzare farine di tipo 00
  • Utilizzare farine dal tipo 0 fino all’integrale, anche con miscele di cereali diversi ma da grani italiani
  • Scegliere preferibilmente farine ottenute da molitura a pietra.

SALATURA

L’impiego limitato di sale, oltre ad avere benefici effetti sulla salute, favorisce una qualità generale superiore. Un eccesso di sale spinge in alto l’acidità della preparazione. Auspicabile l’utilizzo di sale dei Presìdi SF o, comunque, sale non sbiancato artificialmente.

  • Contenere il sale entro valori attorno al 2,5% .

LIEVITAZIONE

Che si tratti di pasta madre, di riporto, auto/idrolisi … per garantire la digeribilità dell’impasto è necessaria una lunga fermentazione. La qualità delle farine, specie quelle da grani antichi, garantisce un risultato migliore.

  • Utilizzare pasta madre o pasta di riporto, per garantire la digeribilità dell’impasto;
  • Far lievitare l’impasto per almeno 16 ore, ideale sarebbe arrivare alle 24 ore.

TIPOLOGIA FORNO

Per quanto auspicabile la cottura in forno a legna, vista la non sempre facile collocazione nel tessuto urbano di questa tipologia, è consentito l’uso di:

  • Forno a legna
  • Forno elettrico
  • Forno a gas

OLIO

Il neonato Presidio Nazionale dell’Olio d’Oliva intende preservare la produzione di olio italiano di qualità legata alla biodiversità e ricchezza delle varietà locali, alla conduzione sostenibile degli oliveti, alla conservazione degli impianti storici, alla valorizzazione dei singoli territori, alla possibilità di reddito adeguato per gli agricoltori. Assume perciò valore distintivo:

  • utilizzare sia per la preparazione degli impasti, sia in cottura, sia a crudo, olio Evo italiano, auspicabilmente del Presidio. Nelle regioni vocate è opportuno che almeno il 50% dell’olio provenga dal proprio territorio o da zone limitrofe.

TOPPING O GUARNITURA

Un ‘topping’ coerente con la qualità di farina, molitura, fermentazione e cottura non può che riferirsi alla stagionalità degli alimenti che vengono utilizzati per guarnire l’impasto. Anche qui indispensabile conoscere direttamente almeno la parte principale dei produttori a cui ci si riferisce per la fornitura degli ingredienti. Pomodoro e mozzarella ‘in primis’. Per quest’ultima, così come per altri formaggi, carni ed insaccati, la conoscenza diretta dei produttori consente di accertare che i trasformati provengano da aziende in cui sia rispettato il benessere animale.

MOZZARELLA & Co.

  • Impiegare abitualmente prodotti come il fiordilatte o la mozzarella di bufala campana
  • Utilizzare esclusivamente prodotti lattiero caseari ottenuti con processi naturali di cagliatura e acidificazione della pasta, senza l’utilizzo di starter tecnologici che non rispettino la naturale composizione della microflora locale del caseificio.

POMODORI e ALTRI ORTAGGI

Considerato l’impiego massiccio di lavoratori stagionali nella conduzione delle aziende ortofrutticole, diviene indispensabile accertarsi che nella filiera di produzione siano rispettate le norme che garantiscano i lavoratori in riferimento a legalità ed eticità delle loro condizioni e dei loro contratti.

  • Si consiglia di lavorare ortaggi coltivati o trasformati nella regione di provenienza.
  • Utilizzare di norma prodotti di stagione, provenienti da filiere etiche.

OGM

I prodotti OGM provengono da agricolture intensive, quasi sempre oltrefrontiera, irrispettose della Terra, della biodiversità e del principio di proprietà comunitaria e non brevettabilità dei semi.

  • Non impiegare prodotti geneticamente modificati.

BIRRE e VINO

L’offerta abbinata e coerente con la proposta illustrata, è un necessario corredo qualitativo: anche acqua, vino, birra e caffè dovrebbero concorrere a trasmettere il messaggio del Buono, Pulito e Giusto.

  • Utilizzare birre provenienti da birrifici artigianali locali, dove non si ricorra a pastorizzazione, chiarifica/filtrazione;
  • Proporre una Carta dei vini con etichette anche del territorio, scelte con cura e, se possibile, selezionate seguendo le indicazioni della guida Slow Wine.

PIZZE CON I PRESIDI SLOW FOOD

La coerenza con il progetto dell’Alleanza non è esprimibile da un dato puramente numerico- quantitativo, ovvero quanti Presìdi si usano, ma dall’assunzione e adozione del proprio territorio quale bacino privilegiato di riferimento per reperire materie prime da filiere di qualità che abbiano positive ricadute sulla sostenibilità ambientale e sulla redditività degli agricoltori e degli artigiani del cibo locali.

  • E’ necessario utilizzare almeno 3 prodotti di Presidio, di cui almeno uno della Regione di appartenenza;
  • E’ altrettanto necessario avere in menu la proposta di almeno 3 pizze diverse con i Presidi, che non siano esclusivamente quelli dei pomodori.